All posts tagged: Luisa Carrada

Visual mapping vs outliner: che abbia ragione Giacomo Mason?

Amo l’outliner, mi piacciono i punti elenco e scrivo in struttura praticamente tutto, dalla lista della spesa alle lettere d’amore. Ma non posso dare torto al sempre ottimo Giacomo Mason quando commenta una bella prova di visual mapping così: In una sola schermata sono rappresentate moltissime informazioni. Provate a pensare che cosa sarebbe successo se aveste usato i punti elenco: probabilmente avreste dovuto usare molte slide e per di più si sarebbero persi i rapporti reciproci. Ci faccio un pensierino. PS: il culto di Mason è praticato anche da Luisa Carrada

To blog or not to blog. Seconda puntata

Continuo a interrogarmi sul tema “il blog è morto, oppure no?” corredato anche da “quali possono essere gli usi del social networking e del microblogging in azienda?”. Per il secondo l’impulso, più che dalle esigenze di Bonucchi e associati, viene dai clienti, che stranamente sono molto sensibili agli strilli di attualità su Facebook e Twitter (e quindi rischiano di non adottare mai strumenti perchè intravvedono già il loro declino subitaneo). La  trasferta in Kazakistan mi ha regalato alcune ore di lettura in aereo (ancora niente connessione sui voli di Turkish Airline) e un po’ di riflessione, avevo messo giù un po’ di appunti e riferimenti. In particolare mi ritrovo nelle parole di Luisa Carrada, ma quando stamattina mi sono concessa un po’ di aggregatore (che sono costretta a centellinare, subissata delle attività in ufficio) ho visto un post di Andrea Beggi tutto da leggere. Veramente non volevo nemmeno guardare l’anteprima, dato che solitamente scrive di cose molto tecniche e non prioritarie per i miei interessi… ma la curiosità ha vinto: la sua analisi è meglio …

Autunno, è tempo di newsletter

Stiamo lavorando alla progettazione da zero di una newsletter e come al solito ci interroghiamo sull’aggiornamento degli strumenti per lavorare meglio. Per l’impostazione dei contenuti della newsletter siamo abituati a usare strumenti artigianali ma ancora validi (come schemi semplici sul piano editoriale) e ci piace molto il quaderno di Cristina Lavazza sul sito di Luisa Carrada (che se non ci fosse bisognerebbe inventarlo!).