All posts tagged: voucher per l’internazionalizzazione

Nuovi voucher MISE

Bonucchi e associati non poteva perdere l’occasione offerta dal MISE e anche quest’anno ha svolto la procedura per l’accreditamento nell’elenco fornitori autorizzati a fornire i voucher per l’internazionalizzazione messi a disposizione delle PMI italiane che vogliono espandere il proprio business all’estero. I nuovi voucher si dividono in due tipologie: i voucher “early stage” permettono alle imprese di ottenere contributi a fondo perduto per 10.000 euro a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 13.000 e dalla durata minima di 6 mesi, mentre i voucher “advanced stage” forniscono un contributo di 15.000 euro a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 25.000 e dalla durata minima di 12 mesi. Come per il bando MISE del 2015, anche quest’anno ci vogliamo distinguere per il nostro servizio TEM. In particolare gli interventi a favore delle imprese beneficiarie del voucher, saranno coordinati da un esperto in Italia e allo stesso tempo arricchiti dal lavoro di un TEM basato nel mercato di destinazione. Per Singapore e Malaysia si tratta di nostro personale, per altri paesi i colleghi …

Un autunno di preparazione per l’export

Iniziato l’autunno, siamo tutti in attesa dell’uscita di varie agevolazioni e programmi relativi all’export e all’internazionalizzazione, tra i quali l’apertura della seconda finestra dei voucher MISE e vari bandi specifici regione per regione. Come sempre, un voucher non fa primavera, ma aiuta a coprire i costi di un approccio razionale e ragionato all’internazionalizzazione e di servizi export erogati direttamente sul mercato target, come meglio spiegavo, un po’ di tempo fa, in un post dal titolo “il mio TEM è differente”. In attesa degli annunci e delle uscite, vi invitiamo a contattarci per una valutazione delle agevolazioni più adatte e delle specificità di ognuno dei programmi, Alessandro Pasti è a disposizione per una pre-analisi, potete chiamare allo 0229527990 per un appuntamento o scrivere direttamente a export@bonucchi.com.

Contributi a fondo perduto per l’internazionalizzazione delle start up innovative

Quali sono le modalità per l’internazionalizzazione delle start up? In Italia sembra che i percorsi di internazionalizzazione (ma anche semplicemente di export) per le PMI siano radicalmente separati da quelli delle start up. Da un lato la tradizione, dove le materie “hard” (dogane, trasporti, pagamenti) la fanno da padrone, dall’altro l’ecosistema start up, dove il tema export non è centrale. Nel mio lavoro frequento entrambi gli ambienti, ma quasi mai li vedo dialogare. Le start up sono avvantaggiate, perché non soffrono dei pregiudizi bloccanti tipici delle PMI, che credono di dover avere un mercato domestico prima di andare all’estero e di dover per forza partire esportando in paesi vicini. L’internazionalizzazione, per le start up, è un argomento fondante e presente già nel momento del lavoro sul business model e sul business plan. Questo, però, non vuol dire che sia più facile, anche perché la propensione all’internazionalizzazione si intreccia con la ricerca degli investitori e con la possibilità di contaminarsi e condividere innovazione con startupper di altri paesi attraverso gli eventi e l’insediamento in coworking, incubatori …

Tutti in ferie? Prima il voucher!

Oggi probabilmente state quasi tutti chiudendo gli uffici per la pausa estiva e non voglio tornare sulla polemica di qualche anno fa. Prima di partire, però, ricordate che le scadenze sono vicine e il primo settembre inizierà la procedura di registrazione sul sito del Ministero per lo Sviluppo Economico per potersi aggiudicare un voucher per l’internazionalizzazione. Diversamente dal passato, il contributo a fondo perduto è significativo ed è rivolto a PMI o di reti di imprese che vogliono crescere sui mercati esteri attraverso l’utilizzo per almeno 6 mesi del supporto consulenziale di un Temporary Export Manager, ormai per tutti “TEM”. Il voucher consiste in 10.000 euro a fronte di un cofinanziamento da parte dell’azienda di almeno 3.000 euro, a copertura dei servizi di export management erogati da un TEM. I servizi oggetto del voucher consistono in attività di marketing e di consulenza professionale, attività di analisi delle potenzialità commerciali del soggetto proponente, attività finalizzate all’individuazione di nuovi clienti/target di mercato all’estero e/o di potenziali partner stranieri; attività di assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale. Il …

Il mio TEM è differente

Le imminenti scadenze del Piano Straordinario per l’Export hanno riacceso l’interesse delle aziende per la figura del Temporary Export Manager e ci hanno portato a sviluppare un approccio originale al voucher TEM. Siamo impegnati doppiamente su questo fronte: io sarò uno dei coordinatori della TEM Academy di ICE, ma Bonucchi e associati ha anche svolto (update: con successo) la procedura per l’accreditamento nell’elenco fornitori autorizzati a fornire il servizio finanziato dal bando del MISE. Quest’ultimo permette alle imprese di ottenere contributi a fondo perduto per 10.000 euro per l’acquisto di servizi di internazionalizzazione per un importo di 13.000 euro su un periodo di sei mesi. Sono sempre stata critica sull’effetto taumaturgico del TEM in azienda, l’esperienza all’estero mi ha fatto apprezzare il lavoro locale e il vantaggio della ricerca partner svolta in loco, per questo il nostro approccio al bando si vuole distinguere. Gli interventi per le imprese che otterranno il voucher TEM, infatti, saranno coordinati da un esperto in Italia, ma arricchiti dal lavoro di un TEM basato nel mercato di destinazione. Per Singapore …

Estate rovente per l’#internazionalizzazione

Non è certamente tempo di ferie per chi si occupa di marketing internazionale, export, o ancora meglio, internazionalizzazione. Mi sembra un’estate rovente per le tante iniziative in scadenza, fa meno caldo qui a Kuala Lumpur. Per le imprese è tempo di prepararsi a richiedere i voucher del MISE per il servizio di Temporary Export Manager. Bonucchi e associati, avendo i requisiti richiesti, si è candidata per è stata accreditata nell’elenco fornitori e quindi vi aspetta al click day del 22 settembre 2015. Per i giovani laureati è il momento di decidere un percorso importante per diventare Temporary Export Manager: scade l’8 settembre la candidatura per il Master gratuito della TEM Academy di ICE. Per chi già lavora e ha un po’ di esperienza, ma vuole entrare più efficacemente nel ruolo di Temporary Export Manager, sempre ICE, con la TEM Academy,  offre un Master gratuito per professionisti/manager. PS: sono molto orgogliosa di collaborare al coordinamento dei Master di TEM Academy