All posts tagged: Alessandra Farabegoli

Auguri di Buon Senso

Questo è stato un anno intenso e si sta chiudendo con delle soddisfazioni. In generale si respira un’aria di incertezza e la parola principale che si sente è “crisi”, ma io sono fiduciosa, forse proprio perchè Bonucchi e associati sta vivendo un bel periodo. Tiger Project sta crescendo e Rocco Papapietro sarà a Milano per lavorare con Rita proprio in questi giorni; ho appena avuto la conferma per la ricalendarizzazione dello Short Master per l’internazionalizzazione di cui vi avevo già parlato in alcuni post precedenti (è un progetto a cui tengo particolarmente); sento la spinta della crescita e della voglia di fare e di attuare nuovi progetti in alcuni nostri clienti e questo mi fa sorridere di entusiasmo. Rita ha lasciato il compito a me degli auguri, ma mi ha dato l’indicazione per il vostro dono… Sapete che siamo esperti di regali virtuali e sostenibili, quindi non potevamo non regalare un ebook della nostra amica Alessandra Farabegoli dal titolo “Il manuale del buon senso in rete”, da qui potrete scaricarlo. Ora non ci resta che …

[siamo antichi] Di etica e politiche commerciali

Il titolo del post (Cose per cui non dovete spendere soldi) mi aveva tratto in inganno: pensavo si trattasse di qualcosa a proposito del free oppure del basso budget, invece si tratta di etica e politiche commerciali. Alessandra Farabegoli riparte da uno spunto di John Jantsch. Come al solito (mi sono ritrovata tanto anche a proposito dei dinosauri), Alessandra riesce a scrivere meglio di me concetti che condivido pienamente e applichiamo da sempre in Bonucchi e associati srl: “Ho smesso da tempo di adottare il meccanismo delle “provvigioni per segnalazione”: se qualcuno – sia esso un amico o un conoscente – mi chiede di indicargli un’azienda o un professionista per un certo lavoro, o mi interpella su qualcosa che io non so fare, gli do quello che penso sia il nome più adatto, e non chiedo all’altro marchette sul fatturato generato. Da quando ho fatto questa scelta lavoro molto meglio: le mie scelte sono guidate dalla mia personale valutazione su chi sia veramente la persona giusta per fare quel lavoro, non da quale percentuale mi viene passata; e, …

Presentazioni più o meno tradizionali

Lunedì sera ho inaugurato il format Apco Tools: ho parlato di social network e blog per i consulenti di direzione. Mi è piaciuto praticamente tutto, i partecipanti, le domande, l’agnizione finale dall’on line all’off line con Simone Lovati, mi è solo spiaciuto dover utilizzare una presentazione tradizionale. Del resto avevamo solo due ore e temevo una platea molto variegata, quindi ho preferito non sperimentare troppo. Mentre ripenso a questo, cercando di orientarmi nella recente baraonda dei sistemi di condivisione tra un salto su FriendFeed e uno su GBuzz torno sul mio fido Google Reader e  vedo una bella presentazione di Alessandra Farabegoli proprio sul public speaking: sono d’accordo con tutto tranne sul veto agli elenchi puntati. Proprio vicino appare la presentazione di Luigi Mengato su “domare le email” , dove gli elenchi puntati ci stanno, pochi e lievi, proprio dove devono essere: magia del feed reader.