All posts tagged: MISE

Bonucchi e associati fornitore accreditato per la seconda edizione dei voucher MISE

Quale miglior inizio per il Nuovo Anno se non l’accreditamento come fornitore per i Voucher internazionalizzazione del MISE? Ieri è stato pubblicato l’elenco delle società TEM accreditate come fornitrici e Bonucchi e associati anche quest’anno (si era accreditata anche nella prima edizione) è riuscita a conquistare un posto nell’elenco. Entro il 29 dicembre sarà inoltre pubblicata la lista delle società beneficiarie dei contributi forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico, che potranno usufruire dei servizi di internazionalizzazione offerti dalle società TEM. Ecco i servizi specifici che Bonucchi e associati mette a disposizione alle società beneficiarie:   Per maggiori informazioni e chiarimenti non esitate a contattarci a staff@bonucchi.com o compilate il form per essere ricontattati.  

Nuovi voucher MISE

Bonucchi e associati non poteva perdere l’occasione offerta dal MISE e anche quest’anno ha svolto la procedura per l’accreditamento nell’elenco fornitori autorizzati a fornire i voucher per l’internazionalizzazione messi a disposizione delle PMI italiane che vogliono espandere il proprio business all’estero. I nuovi voucher si dividono in due tipologie: i voucher “early stage” permettono alle imprese di ottenere contributi a fondo perduto per 10.000 euro a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 13.000 e dalla durata minima di 6 mesi, mentre i voucher “advanced stage” forniscono un contributo di 15.000 euro a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 25.000 e dalla durata minima di 12 mesi. Come per il bando MISE del 2015, anche quest’anno ci vogliamo distinguere per il nostro servizio TEM. In particolare gli interventi a favore delle imprese beneficiarie del voucher, saranno coordinati da un esperto in Italia e allo stesso tempo arricchiti dal lavoro di un TEM basato nel mercato di destinazione. Per Singapore e Malaysia si tratta di nostro personale, per altri paesi i colleghi …

Un autunno di preparazione per l’export

Iniziato l’autunno, siamo tutti in attesa dell’uscita di varie agevolazioni e programmi relativi all’export e all’internazionalizzazione, tra i quali l’apertura della seconda finestra dei voucher MISE e vari bandi specifici regione per regione. Come sempre, un voucher non fa primavera, ma aiuta a coprire i costi di un approccio razionale e ragionato all’internazionalizzazione e di servizi export erogati direttamente sul mercato target, come meglio spiegavo, un po’ di tempo fa, in un post dal titolo “il mio TEM è differente”. In attesa degli annunci e delle uscite, vi invitiamo a contattarci per una valutazione delle agevolazioni più adatte e delle specificità di ognuno dei programmi, Alessandro Pasti è a disposizione per una pre-analisi, potete chiamare allo 0229527990 per un appuntamento o scrivere direttamente a export@bonucchi.com.

Contributi a fondo perduto per l’internazionalizzazione delle start up innovative

Quali sono le modalità per l’internazionalizzazione delle start up? In Italia sembra che i percorsi di internazionalizzazione (ma anche semplicemente di export) per le PMI siano radicalmente separati da quelli delle start up. Da un lato la tradizione, dove le materie “hard” (dogane, trasporti, pagamenti) la fanno da padrone, dall’altro l’ecosistema start up, dove il tema export non è centrale. Nel mio lavoro frequento entrambi gli ambienti, ma quasi mai li vedo dialogare. Le start up sono avvantaggiate, perché non soffrono dei pregiudizi bloccanti tipici delle PMI, che credono di dover avere un mercato domestico prima di andare all’estero e di dover per forza partire esportando in paesi vicini. L’internazionalizzazione, per le start up, è un argomento fondante e presente già nel momento del lavoro sul business model e sul business plan. Questo, però, non vuol dire che sia più facile, anche perché la propensione all’internazionalizzazione si intreccia con la ricerca degli investitori e con la possibilità di contaminarsi e condividere innovazione con startupper di altri paesi attraverso gli eventi e l’insediamento in coworking, incubatori …