All posts tagged: Meta

Un anno di Meta

Non conosco ancora così bene tutte le funzioni che sono a disposizione sul sito di Apco, la nuova presenza web è stata realizzata da una struttura che conosciamo molto bene Salsa Digitale. Questa mattina mi sono ritagliata qualche minuto per approfondirne la conoscenza, ho buttato l’occhio sulla home page ed ecco un link che ho pensato di rilanciare sul nostro sito: la raccolta degli articoli del 2011 che appaiono su Meta, rivista di Apco che viene pubbicata ogni due mesi su Harvard Business Review. Questo è il risultato dello sforzo di diversi consulenti associati Apco che raccolgono le loro esperienze, conoscenze e informazioni. E’ sicuramente una buona lettura e può essere considerata un po’ come un libro.

Fare squadra: su Harvard Business Review Italia ne parlano i consulenti di direzione

“una società di consulenza strategica è prima di ogni altra cosa know-how ed esperienza, sono perciò le “teste” il suo potenziale vero” Nell’inserto Meta, curato da APCO all’interno di Harvard Business Review Italia, ho avuto il piacere di intervistare Simone Lovati. Gli fatto un po’ di domande sulla squadra internazionale che ha creato in ADVB e su come funziona. In edicola trovate HBR, qui la sua intervista, leggetela perchè è piena di spunti anche per chi non si occupa di consulenza.

8 marzo? Mimosa bonukkiana

Nel dubbio mimosa no – mimosa sì (che noia!) me la cavo così, con l’articolo uscito sul numero di Marzo 2010 di Harvard Business Review. Contiene alcuni pensieri su come i consulenti possono portare la cultura della diversity nelle PMI. Ecco il mio contributo sull’approccio alla diversity dal punto di vista della consulenza di management: Consulenti, PMI e Diversity La prima volta che sono uscita da un mondo omogeneo e fatto di uguali è stato nel 1977. Come tutte le brave ragazze dell’epoca sono andata a imparare l’inglese a Londa. La gente in metropolitana mi dava una leggera ebbrezza per la sua varietà e dopo qualche mese tornare a casa e camminare sotto i portici a Modena mi provocava uno strano effetto: tutti mi sembravano uguali, colori uguali, vestiti uguali, pettinati uguali, sguardi uguali. (Continua a leggere a pagina III di Meta – Rivista dei consulenti di management) Per un approccio più preciso e incisivo leggete l’ottimo post di Paola Bonomo: Il diverso, livore e disprezzo.